La Cripta dello Spirito Santo di Castiglione

CriptaSSCastiglioneLa cripta dello Spirito Santo è ubicata alla periferia occidentale di Castiglione d’Otranto, in località "Casaranello", circa 80 metri a nord della cappella di Santa Maria Maddalena. La zona, nota a metà del Settecento con il toponimo "Le Pozze", si trova in prossimità di un incrocio stradale molto importante, dove si svolge annualmente la fiera di Santa Maria Maddalena.

Nell'anno scolastico 2014-15, nell'ambito del progetto "La Scuola adotta un monumento", promosso dall'Associazione Napoli 99 e coordinato in provincia di Lecce dall'Assessorato all'Istruzione della Città di Lecce, con il patrocinio del Comune di Andrano gli alunni della scuola primaria di Castiglione hanno 'adottato' questo monumento.

Il percorso didattico ha previsto vari momenti di ricerca sul campo e il coinvolgimento operativo delle famiglie, delle associazioni di volontariato e dell'intera comunità, per il ripristino del decoro della cripta.

Castiglione e la Cripta dello Spirito Santo

The Crypt of Holy Spirit

La leggenda dello Spirito Santo (versione teatrale in dialetto)

Il resoconto degli alunni

L'idea fondante del Progetto è quella di invitare le scuole a prendersi cura di un monumento storico del proprio paese. Possono essere adottati palazzi, edifici, chiese, chiostri, statue, piazze, fontane ed ogni altra presenza architettonica capace di rappresentare un pezzo della storia della comunità di appartenenza. A quel punto non abbiamo esitato, il nostro è stato subito un sì, pensando a quello che avremmo potuto fare per contribuire alla salvaguardia della memoria storica di Castiglione. È iniziata così un’accesa discussione tra di noi, dalla quale è emerso che avremmo adottato il monumento più bisognoso, che l’avremmo preso sotto la nostra tutela per sottrarlo al degrado e renderlo migliore. Ciò significa averne cura, tutelarne la conservazione, diffonderne la conoscenza, promuoverne la valorizzazione.
Per poter realizzare il nostro obiettivo avevamo bisogno di fare una ricognizione dei monumenti presenti nel nostro paese. Ed eccoci pronti, porte aperte e… fuori a passeggio tra le viuzze del nostro piccolo borgo. L'attenzione non si è soffermata solo al centro di Castiglione, ma si è inoltrata fino ai confini, perché molto spesso le bellezze di un paese non sono racchiuse in luoghi o locali di grande prestigio, ma sono testimoniate da presenze discrete e nascoste, spesso sconosciute e abbandonate, anche se ricche di storia, di arte e di cultura. Siamo giunti  vicino alla cappella di Santa Maria Maddalena.

vialetto

ingresso

Ci siamo poi addentrati in un vialetto e a circa 80 metri abbiamo trovato una cripta. Non ci è voluto molto per renderci conto dello stato di abbandono e degrado di quel posto: tutto chiedeva aiuto. Usciti dalla cripta, all'unanimità abbiamo deciso che quella sarebbe stata la nostra adozione.

 

interno.pngscalaCripta.png

Rientrati a scuola abbiamo iniziato a riflettere e a discutere su quello che noi avremmo potuto fare per ridare dignità a quel patrimonio di grande valore storico-culturale. Abbiamo fatto le nostre proposte:
1. Ripristinare l’accesso originario, chiudere quello nato in un secondo momento perché contrastante con l’ambiente naturale e trasformarlo in un deposito per materiale utile alla pulizia della cripta stessa.
2. Ricostruire i gradini utilizzando materiale consono all’ambiente.
3. Intervenire sulle infiltrazioni, creare prese di ventilazione naturale.
4. Riparare l’impianto d’illuminazione.
5. Ripulire la grotta e la scala dalla muffa.
6. Proteggere la Cripta con un cancello.
7. Mettere alla finestra una grata,e ripararla dalla pioggia con una tettoia .
8. Recuperare il masso depositato nella campagna di fronte alla Cripta per farne un sedile in pietra naturale e posizionarlo all’ingresso della Cripta.
9. Illuminare il vialetto che porta alla Cripta.
10. Valorizzare la Cripta e la chiesa di Santa Maria Maddalena con una targhetta identificativa.
11. Dotare la Cripta e il viale d’accesso di totem informativi.
12. Richiedere ai beni culturali interventi di restauro sull’affresco dello Spirito Santo per evitare l’ulteriore degrado.
13. Riprodurre su pietra locale l’affresco dello Spirito Santo.
14. Realizzare degli arredi rimovibili (cuscini, tovagliette) da utilizzare nelle occasioni.
15. Stampare locandine e brochure per pubblicizzare il progetto.
16. Rifare il manto stradale del vialetto che porta alla cripta.

Laboratori

Gli alunni di classe terza e quarta hanno svolto ricerche sui vari monumenti di Castiglione. Gli alunni di quinta hanno ricercato notizie sulla cripta dello Spirto Santo. Durante il lavoro hanno riscoperto una leggenda sulla cripta, la hanno trasformata in testo teatrale e la hanno messo in scena.

Interviste al prof. Giovanni Giangreco e al prof. Luigi Giorgiani

intervista al prof. Giovanni Giangreco   intervista al prof. Luigi Giorgiani

Ripristino del decoro

pulizia.png  pulizia2.png  pulizia3.png

pulizia5.png  decoro1.png  decoro2.png

I biscotti dello Spirito Santo

biscotti1.png  biscotti2.png  biscotti3.png

biscotti4.png  biscotti5.png  biscotti7.png

Apertura al pubblico

Nelle giornate del 28 e del 29 maggio 2015 i 'piccoli ciceroni' hanno aperto la cripta ai visitatori ed hanno accolto scolaresche provenienti da varie scuole della provincia di Lecce.